Occasioni Speciali

Ravioli-con-ripieno-di-castagne-emilia-250x212-fill-249x212 Menu Vigilia di Natale

 I dolci sono una delle specialità dell Monastero di Santa Chiara di Atri, Teramo; da cui derivano questi ravioli, detti anche calcionetti. Infatti le suore Clarisse, in occasione delle grandi feste, come per esempio il triduo in onore di Santa Chiara (11 agosto), preparano numerose prelibatezze. 

panettone-farcito-ricoperto-fill-241x250 Menu Vigilia di Natale 

Stanchi del solito Panettone tradizionale, cerchiamo di arricchirlo e invogliarlo ancora di più con una farcitura deliziosa da leccarsi le dita. Consigliato, dato l'uso dell'alcol, per i grandi.

DSC_5449-Pandoro-con-crema-al-mascarpone-e-amaretti3-1-fill-358x250 Menu Vigilia di Natale

Il pandoro è un dolce entrato nella nostra tradizione natalizia. Il nome è dato dal caratteristico colore giallo oro, dovuto alle uova nella sua pasta. Alcuni dicono che è invece legato a "pan de oro", che veniva servito ricoperto da sottili foglie di oro zecchino, sulle ricche tavole veneziane. La ricetta "pandoro con crema pasticcera" è solo un piccolo suggerimento per dare a questo dolce una presentazione diversa, semplice e buona.

budino-lamponi-fill-393x250 Menu Vigilia di Natale

Una soluzione per portare in tavola un dolce perfetto e buono con attenzione alla salute e alla linea, è il budino di semi di Chia con lamponi, la cui ricetta, è molto semplice dal punto di vista esecutivo, adatta anche per i meno esperti e pratici in cucina.

Maiale-in-crosta-fill-329x250 Menu Vigilia di Natale

Il digiuno della Quaresima ortodossa è rigidissimo:sono proibiti i cibi di origine animale, compresi uova, latte e formaggi. E giusto perciò che Pasqua si festeggi con un sostanzioso piatto di carne.

Il pranzo di Natale è un’occasione di riunione familiare per festeggiare tutti insieme in allegria. Ogni zona d’Italia, ogni luogo, e ogni famiglia ha le sue abitudini. Diciamo che la tradizione generale vuole che il pranzo sia basato soprattutto su piatti a base di carne, dato che per la vigilia, il 24 dicembre, è di “magro”.  E sicuramente deve essere molto ricco di portate e cose buone che stuzzicano la “voglia”. Antipasti, agnoli, ravioli, come primi piatti, e arrosti e carni ripiene come secondo. Per finire, i dolci, dove naturalmente non può mancare il classico Panettone o il Pandoro, o magari tutti e due, e della frutta secca.  Naturalmente può anche essere basato su piatti di mare. Qui proponiamo un’idea del nostro menu tradizionale.

Pagina 1 di 2